Strepitoso successo per “Capo d’Orlando a colori”, le foto di Natale Arasi

Capo d’Orlando – Gli immigrati dello Sprar protagonisti di “Capo d’Orlando a colori” al castello Bastione, una rappresentazione in teatro musica e parole, realizzata dallo Sprar (Sistema di protezione per Richiedenti asilo e rifugiati) di Capo d’Orlando nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione e di integrazione sociale in occasione della “Giornata mondiale del rifugiato”.

“Lo spettacolo – spiega la regista Beatrice Damiano – è stato realizzato in sinergia con l’Istituto Comprensivo 1 e con diversi professionisti, musicisti e ballerini, che si sono messi a disposizione per la buona riuscita dell’evento”.

Cono Galipò, presidente della Cooperativa Servizi Sociali che gestisce la struttura per richiedenti asilo, ha evidenziato come “le attività svolte all’interno dello Sprar, come appunto il laboratorio interculturale, non siano fini a se stesse ma mirate all’inclusione e alla integrazione”.

All’evento hanno inoltre partecipato Salvatore Caliò e Agata Maiorana, campioni italiani di danza sportiva, il musicista Nino Milia, la scuola di danza Tersicore, Baba Sissoko, musicista  polistrumentista originario del Mali, uno dei maggiori esponenti di musica etnica e jazz.  Presenti il sindaco Franco Ingrillì, il senatore Bruno Mancuso ed il deputato regionale Giuseppe Laccoto.

Le foto di quest’articolo sono state scattate da Natale Arasi, che mosso da grande passione per la fotografia ha iniziato a scattare le prime immagini all’età di 15 anni con una Nikon. “La fotografia afferma Arasi – rappresenta per me un modo per immortalare la bellezza, in particolare la natura, riuscendo a mostrare a tutti coloro i quali non hanno la possibilità di farlo, ad esempio il mare con le sue maestose onde oppure la spiaggia ed i tramonti. Desidero ringraziare  la persona che mi ha aiutato ad usare la macchina fotografica, Carmelo Signorino, Maurizio Triscari, l’ufficio Turistico e l’assessore Rosario Milone. Arasi è fotografo per hobby, i suoi scatti sono visionabili sull’omonima pagina Facebook Arasi Natale.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close