Lorena Mangano: Spunta nuovo testimone? La Corte si riserva la decisione

Capo d’Orlando – Le dichiarazioni di una nuova testimone potrebbe affacciarsi al processo d’Appello sulla morte di Lorena Mangano.

Un vero e proprio colpo di scena ieri pomeriggio durante il processo d’Appello per la morte di Lorena Mangano. Potrebbe infatti inserirsi un nuovo teste che sembra essere la passeggera di una delle auto che in quel preciso istante si trovavano nei paraggi di dove si è verificato il terrificante impatto costato la vita alla giovane studentessa di Capo d’Orlando. I guidatori delle auto in questione sono già stati sentiti nel corso del procedimento di primo grado e durante le indagini.

La citazione della nuova teste è stata avanzata dall’avvocato Pagano, difensore della famiglia Mangano, ma gli avvocati della dei due imputati, Gaetano Ferestieri e Giovanni Gugliandolo, si sono ovviamente opposti al deposito di questo nuovo verbale. La Corte d’Appello si è riservata di decidere.

Ma perché la nuova testimonianza raccolta, che però deve ancora essere ammessa al processo di Appello, può essere importante per la difesa? E’ molto probabile che fornisca un’altra versione dei fatti rispetto a quanto già ascoltato in primo grado ed in fase di indagini da altri testimoni.

Il processo è stato rinviato al prossimo 12 Febbraio mentre la sentenza è attesa tre giorni dopo, giovedì 15 Febbraio 2018.

Drammatica la ricostruzione di quanto accaduto quel sabato notte a Messina da parte degli avvocati di parte civile. Una analisi frame per frame (ogni secondo di video ne contiene 24 di frame) che ricostruisce, secondo i legali, in maniera inequivocabile la gara che Gugliandolo e Forestieri stavano svolgendo per le vie del centro di Messina.

In primo grado Gaetano Forestiero è stato già condannato ad 11 anni per omicidio stradale con rito abbreviato. Sette gli anni inflitti a Giovanni Gugliandolo.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close