Protocollo d’intesa tra il Comune galatese e l’Università di Messina

Galati Mamertino – L’Amministrazione Comunale galatese, guidata dal Sindaco Dott. Nino Baglio, ha firmato un protocollo d’intesa con il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne (DICAM) dell’Università degli Studi di Messina.

Il protocollo d’intesa tra i due enti, formato da 8 articoli, è finalizzato alla valorizzazione delle risorse territoriali e al recupero delle tradizioni locali, con specifico riguardo ad attività di cultura, ricerche archeologiche, storiche, geografiche, antropologiche e artistiche, attinenti il territorio e le opere presenti nel Comune di Galati.

La firma del protocollo mette in evidenza che sia l’ente comunale di Galati che il DICAM di Messina hanno delle prerogative simili e dei punti d’incontro da sfruttare per la loro collaborazione.

Il Comune galatese si configura nell’area nebroidea come uno dei centri di più rilevante interesse sul versante paesaggistico-naturale, storico, artistico-architettonico, vantando caratteri distintivi per quanto concerne i profili demoetnoantropologici. Il territorio conserva significative tracce della millenaria cultura e architettura pastorale, come pagghiari, ovili e casotti in pietra, di memoria neolitica, oltre che detenere una radicata pratica musicale strumentale della zampogna a paro. Il paese di Galati, fino agli anni 90 del Novecento, ha praticato in maniera estensiva la coltura del grano, per valore d’uso e di scambio, secondo le arcaiche pratiche di lavoro contadino. Galati Mamertino vanta inoltre un sistema festivo, centrato sulla celebrazione ferragostana del venerato crocifisso e dei due santi fortemente identitario, e ha dato i natali a figure storiche di primissimo piano, quali Annibale Lo Bianco, organaro attivo nella prima metà del Settecento, l’eroe risorgimentale Abate Crimi, il poeta novecentesco Nino Ferraù.

Il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina svolge normalmente attività di studio e di ricerca nel territorio della Provincia, in modo da diffondere le proprie competenze anche fuori i tradizionali canali universitari. Il Comune di Galati ha manifestato interesse per la collaborazione col DICAM, in funzione di un’efficace opera di promozione di un’attività culturale qualificata, e per sviluppare un contatto nel campo della ricerca, della formazione e dell’aggiornamento dei giovani studiosi messinesi.

Print Friendly, PDF & Email



Articoli Correlati

Close